Nuova ordinanza regionale del Veneto

giugno 06, 2021 - in

Il 5 giugno 2021 è stata pubblicata l'ordinanza n. 83 della Regione del Veneto con la quale sono state disposte nuove misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da virus COVID-19.

Riaperture

L'ordinanza prevede in particolare l'anticipazione al 7 giugno per le riaperture delle seguenti attività:

  • parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo viaggiante, parchi avventura e centri d’intrattenimento per famiglie);
  • piscine e centri natatori in impianti coperti;
  • centri benessere e termali;
  • feste private anche conseguenti alle cerimonie civili e/o religiose all’aperto e al chiuso;
  • attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, anche al chiuso;
  • fiere **(comprese sagre e fiere locali), **grandi manifestazioni fieristiche, congressi e convegni;
  • eventi sportivi aperti al pubblico, diversi da quelli di cui all’articolo 5 del decreto legge 52/2021, che si svolgono al chiuso;
  • sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò;
  • centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;
  • corsi di formazione.

Impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici e a uso turistico

L'ordinanza prevede, inoltre, con riferimento agli impianti di risalita:

  • la possibilità dell'utilizzo degli stessi, in zona bianca e gialla, rispettando le linee guida (consultabili qui);
  • l'utilizzo degli stessi prevedendo un numero massimo di presenze giornaliere :

    • PER I COMPRENSORI SCIISTICI: determinato nella misura del 30% della portata oraria complessiva di tutti gli impianti a fune (cabinovie, funivie, seggiovie, sciovie o skilift) aperti nel comprensorio sciistico o nella stazione sciistica non ricompresa in un comprensorio. Il calcolo delle presenze giornaliere è definito dalla somma degli skipass giornalieri, di quelli plurigiornalieri e settimanali relativi al periodo di riferimento nonché di quelli stagionali;
    • PER GLI IMPIANTI PER IL TURISMO ESTIVO: il limite giornaliero dei primi ingressi nel comprensorio montano è stabilito da:
    • portata oraria teorica della funivia bifune di arroccamento o delle seggiovie ad attacco fisso moltiplicata per tre, considerato che per queste tipologie di impianti il limite teorico orario è particolarmente ridotto;
    • per le altre tipologie di impianti di arroccamento, portata oraria teorica moltiplicata per due, considerato la maggiore capacità oraria di questa tipologia di impianti.

Per ulteriori dubbi contattaci per una consulenza!

Effettuiamo consulenze online, oppure ci puoi contattare telefonicamente allo 0445360277 o via mail all'indirizzo info@studiodsg.it.

Lo Studio di commercialisti DSG - Dalla Stella & Gatti si trova a Thiene, in provincia di Vicenza.

Share
Ritorna agli articoli

Ultimi articoli